Warning: session_start() expects parameter 1 to be array, string given in /home/customer/www/assoprevenzione.it/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 303
AssoPrevenzione | Fase 2 e luoghi di lavoro: il protocollo sicurezza del 24 aprile - AssoPrevenzione

L’accordo quadro del 14 marzo con le misure di contrasto e contenimento del Covid-19 sui luoghi di lavoro è stato aggiornato il 24 aprile, dopo un confronto tra Governo, associazioni imprenditoriali e sindacali. Nel protocollo aggiornato di 10 pagine sono contenute le linee guida che il Governo si è impegnato ad allegare anche nei prossimi decreti sulla riapertura e l’avvio della cosiddetta “Fase 2” per dare ancora più forza a quanto stabilito.

Tra le novità contenute nel protocollo troviamo la costituzione nelle imprese del “Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo” e dove non possibile (nel caso di aziende piccole) i riferimenti saranno i Comitati territoriali.

Ecco gli altri punti chiave del Protocollo:

Sicurezza e sanzioni – Le attività potranno proseguire solo se saranno garantiti alti livelli di sicurezza e di protezione. La mancata attuazione del protocollo determinerà la sospensione delle attività non in regola fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Tamponi – Il datore di lavoro dovrà dare la massima collaborazione qualora, per prevenire l’attivazione di focolai epidemici, nelle aree maggiormente colpite dal virus, l’autorità sanitaria competente disponga misure aggiuntive specifiche, come ad esempio, l’esecuzione dei tamponi per i lavoratori. Potranno essere suggeriti dal medico competente eventuali mezzi diagnostici qualora utili al fine del contenimento della diffusione del virus e della salute dei lavoratori.

Orari differenziati e divieto assembramenti – Potranno essere stabiliti orari di lavoro differenziati atti a favorire il distanziamento sociale e a ridurre le presenze contemporanee nei luoghi di lavoro e prevenendo gli assembramenti.

I positivi al Covid-19 – I lavoratori già risultati positivi all’infezione da Covid-19 dovranno produrre una preventiva certificazione di “avvenuta negativizzazione” del tampone prima dell’eventuale ingresso in azienda

Materiale informativo – Dovrà essere fornita informazione adeguata in particolare in riferimento alle misure e al corretto utilizzo dei DPI.

Sanificazioni straordinarie – In aggiunta alle normali attività di pulizia, nelle aree di maggiore epidemia e dove sono stati rilevati casi covid-19 pregressi, è necessario prevedere, alla riapertura, una sanificazione straordinaria degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni ed i detergenti per le mani dovranno essere accessibili a tutti i lavoratori.

Favorire lo smart working – Il lavoro a distanza dovrà essere favorito ferma la necessità che il datore di lavoro garantisca adeguate condizioni di supporto alla persona del lavoratore e alla sua attività ed assistenza.

Ecco il documento integrale che potete scaricare.

https://assoprevenzione.it/wp-content/uploads/2020/04/accordo-governo-organizzazioni-datoriali-e-sindacali-sulla-sicurezza-al-lavoro-per-emergenza-coronavirus-del-24-aprile-2020.pdf

Area Comunicazione