Warning: session_start() expects parameter 1 to be array, string given in /home/customer/www/assoprevenzione.it/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 303
AssoPrevenzione | CONTROLLI IMPIANTO ELETTRICO IN CANTIERE – COMPITI DEL CSP E CSE - AssoPrevenzione

La pubblicazione Inail 2015 sulla “progettazione della sicurezza in cantiere”, stabilisce che dopo aver ricevuto il progetto dell’impianto elettrico di cantiere, il Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione (CSP) deve accertarsi che esse sia completo di:

  1. “il dimensionamento della rete di distribuzione in funzione delle apparecchiature utilizzate e dei relativi carichi;
  2. schema del quadro generale di cantiere e indicazione delle linee distinte per forza motrice e illuminazione;
  3. modalità di realizzazione della cassetta ove saranno alloggiati i contatori;
  4. modalità di collegamento al quadro generale del cantiere;
  5. protezioni in atto;
  6. indicazione delle tipologie di prese e apparecchiature utilizzate e della protezione (grado IP) delle stesse;
  7. progetto dell’impianto di messa a terra;
  8. indicazione di tutte le apparecchiature e masse estranee collegate all’impianto;
  9. dettagli costruttivi;
  10. modalità di controllo dell’efficienza degli impianti elettrici e di messa a terra e di tutti dispositivi e apparecchiature in campo;
  11. luoghi di conservazione delle certificazioni di conformità degli impianti della copia dell’avvenuta trasmissione agli enti di controllo competenti”.

L’art. 92 del TU 81/08, prescrive, invece, l’obbligo per il Coordinatore per l’esecuzione (CSE) di verificare che l’impianto elettrico sia a norma e, successivamente, di valutare che le imprese esecutrici e i lavoratori autonomi abbiano applicato le disposizioni a loro carico presenti nel Piano di sicurezza e coordinamento (PSC).

Come indicato dall’Inail, è un controllo di tipo visivo, e fa riferimento esclusivamente alla tipologia del quadro elettrico, che deve essere ASC- EN 61439-4, come previsto dalla recente normativa in validità fino al 20 dicembre 2015; all’interruttore automatico differenziale (da 30 mA); alla presenza di interruttore magnetotermico, di sezionatore, di pulsante di emergenza, di impianto di terra.

Il CSE deve inoltre verificare che l’impianto sia provvisto della dichiarazione di conformità, di denuncia dell’impianto di terra e dell’eventuale impianto di protezione dalle scariche atmosferiche. Se in cantiere è presente un ponteggio metallico, è infatti compito del tecnico accertare l’esistenza della dichiarazione che attesta che l’attrezzatura è autoprotetta contro le scariche elettriche, o che essa si rilevi necessaria per la protezione contro i fulmini, indicando gli adempimenti da attuare.

AEP